Formarsi perchè...

Visite: 93

Domenico Ghirlandaio St Jerome in his study

Natura e finalità della Scuola Teologica di Base.

«Il fenomeno più interessante di questa stagione post-conciliare nell’ambito degli studi teologici in Italia, e che richiede al tempo stesso maggiore discernimento, è il diffondersi di forme più popolari di approccio alla teologia, in particolare così come si configura nelle cosiddette scuole di formazione teologica [le quali nascono] con lo scopo di introdurre al sapere teologico e offrono a questo scopo una formazione di base.

Per questo è auspicabile una loro sempre più larga diffusione. È al loro interno, infatti, che sarà possibile attuare un certo reclutamento di forze, che promuova nelle comunità cristiane il pensare cristiano e non solo l’agire. La ricchezza di ministeri della Parola dipende anche da un attento discernimento delle capacità che si possono manifestare dentro le scuole teologiche di base. Ogni cristiano deve essere aiutato a scoprire la propria vocazione e a realizzarla, in modo che la spiritualità e l’apostolato in ogni Chiesa locale maturino col contributo attivo ma specifico di ciascuno. Non si tratta, quindi, di favorire una formazione generica e minimale, per consacrare un livello piuttosto basso di capacità teologica, o peggio ancora per nascondere carenze e avvalorare illusioni. Si tratta di educare alla serietà del sacrificio richiesto dal pensare cristiano, dove ragione e fede si intrecciano, pur senza confondersi, e si stimolano a vicenda a crescere. In questa prospettiva, fine primario delle scuole di formazione teologica è aiutare i credenti a far propri gli strumenti e i metodi necessari per esplicare, ad un livello sia pure iniziale e globale, la funzione teologica propria di ogni membro della Chiesa. Al tempo stesso esse favoriscono la acquisizione di un linguaggio e di una prospettiva che rendano più agevole sia l’ascolto della Parola, scritta e tramandata, sia il dialogo con il mondo […]. Unendo in tal modo intenti di introduzione sistematica e globale, offerta di strumenti basilari per l’esercizio della riflessione teologica personale, attenzioni alle necessità pastorali delle comunità, le scuole di formazione teologica rappresentano un’opportunità da non sottovalutare per la crescita delle nostre Chiese. Una particolare attenzione andrà riservata da parte dei Vescovi da cui dipendono, per la loro diffusione, crescita qualitativa, capacità di incidenza sul tessuto ecclesiale» (CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA, La formazione teologica nella Chiesa particolare. Nota pastorale delle Commissioni episcopali per la dottrina della fede, la catechesi e la cultura e per l’educazione cattolica, 19 maggio 1985, 8, in Enchiridion CEI 3, 2404-2406).

 

Percorsi di approfondimento

budda

Corsi monografici

1. L'escatologia cristiana nella tradizione latina e in quella bizantina

2. Le religioni non-cristiane

san giovanni

"Tre giorni"

1. Opera giovannea

2. Creatore di tutte le cose visibili e invisibili

Percorsi di approfondimento

vascello

Convegni

1. Orafi e argentieri messinesi del XVII secolo

2. Carta pastorale Caritas

presepe

Laboratorio

Diorami presepistici