Messaggio dell’Arcivescovo

Carissimi,

orientare la cultura in senso cristiano è l’urgenza emersa al III Convegno Ecclesiale Nazionale, svoltosi a Palermo dal 20 al 24 Novembre 1995. Nell’anno 2007, poi, la Nota pastorale dell’Episcopato italiano dopo il IV Convegno Ecclesiale Nazionale (Verona 16-20 Ottobre 2006), Rigenerati per una speranza viva, rilanciando il progetto educativo della Chiesa Cattolica, ha ribadito il bisogno di «mettere in evidenza e far crescere la dimensione culturale presente nel vissuto di fede del popolo di Dio». Nel documento del 2007, i Vescovi italiani hanno voluto sottolineare il dovere «di alimentare la consapevolezza e la responsabilità proprie della comunità cristiana, dando un nuovo impulso al progetto culturale attraverso il suo consolidamento e radicamento, sia in chiave formativa sia in prospet-tiva missionaria. L’obiettivo di fondo resta quello di un nuovo incontro tra la fede e la ragione, così che i credenti possano mostrare a tutti che “la vita cristiana è possibile oggi, è ragionevole, è realizzabile”». L’elaborazione intellettuale del dato di fede, per un impegno ecclesiale più consapevole, rappresenta ancora uno dei cardini dell’odierna pastorale e deve coinvolgere non solo esperti del settore e ministri ordinati ma tutti i credenti. Ogni fedele, nella vita della Chiesa diocesana, deve trovare spazi di approfondimento e di riflessione che lo aiutino ad acquisire la capacità di rispondere, con il confronto serio e sereno e con il dialogo costruttivo, alle pressanti domande che il mondo oggi pone ai cristiani. In ragione di ciò, nel ripresentare alla Diocesi la Scuola per la Formazione Teologica di Base, desidero invitare i Reverendi Parroci, e tutti coloro che guidano Istituti Religiosi ed Aggregazioni laicali, a farsi eco, nelle proprie comunità, di questa lodevole iniziativa che tanto bene procurerà alla nostra Chiesa. Sono certo che ognuno saprà spendersi per il progetto di formazione che ora affidiamo a San Luca Archimandrita, luminoso esempio di chi, nella nostra terra, ha saputo coniugare preghiera, studio e autentica testimonianza di vita cristiana.

Messina 16 Luglio 2018

+ Giovanni Accolla
Arcivescovo e Archimandrita